Studio: Il salario degli apprendisti – comportamento e cultura finanziaria degli apprendisti in Svizzera

Coira, 11 settembre 2018 – Normalmente i giovani iniziano a guadagnare uno stipendio regolare quando cominciano un apprendistato professionale. Così facendo, gli apprendisti compiono un importante passo avanti verso l'indipendenza economica. Ora uno studio nazionale condotto su incarico delle banche cantonali mostra per la prima volta come gli apprendisti gestiscono il loro primo stipendio quando iniziano la loro formazione professionale di base. I risultati dimostrano che gli apprendisti generalmente gestiscono con grande cautela i loro soldi e dispongono di buone conoscenze pratiche degli argomenti di finanza ordinaria. Molti, però, hanno difficoltà con gli aspetti finanziari meno ordinari.

Lo studio «Il salario degli apprendisti – comportamento e cultura finanziaria degli apprendisti in Svizzera» è stato condotto dall'istituto di ricerca Prognos AG su incarico delle Banche Cantonali, Sono stati intervistati circa 1 000 apprendisti del secondo semestre di formazione professionale di base provenienti da 39 settori di formazione diversi. Il sondaggio è stato eseguito nella primavera 2018 nelle scuole professionali della Svizzera tedesca, della Romandia e del Ticino.

 

Lo stipendio medio degli apprendisti ammonta a 764 franchi

Gli stipendi degli apprendisti in Svizzera oscillano prevalentemente tra i 500 e i 1 000 franchi. La media dello stipendio mensile ammonta a 764 franchi e il valore mediano a 683 franchi. Oltre allo stipendio da apprendista, il reddito di coloro che seguono una formazione professionale di base è spesso corroborato da altri contributi in denaro e in natura. Circa il 90 percento degli apprendisti abita con i genitori e quindi non deve provvedere o deve provvedere solo in parte alle spese per vitto e alloggio. Circa la metà degli intervistati riceve un contributo finanziario dalla famiglia o da altre persone in aggiunta allo stipendio.

 

La responsabilità finanziaria aumenta con lo stipendio e l'età

La struttura delle spese degli apprendisti intervistati è variegata. Circa un terzo degli apprendisti dà parte dello stipendio ai genitori per contribuire alle spese di vitto e alloggio. La maggior parte di loro deve pagare completamente da sé le spese per uscite, hobby, abbigliamento, pranzo e cellulare con il primo stipendio. Come dimostra lo studio, gli apprendisti non si assumono la responsabilità del loro budget tutto d'un colpo. La competenza finanziaria si estende molto di più quando si percepisce il proprio stipendio e, con l'aumentare dell'età, a sempre più categorie di spesa.

 

Gli apprendisti gestiscono con molta cautela e attenzione i loro soldi

Una vasta maggioranza degli apprendisti intervistati gestisce lo stipendio in maniera molto cauta e attenta. Solo il 6 percento gestisce il proprio denaro con leggerezza e dimostra una scarsa propensione al risparmio. D'altra parte, il 35 percento è oculato e mette sistematicamente da parte un po' di soldi ogni mese. Gran parte degli intervistati, ovvero il 59 percento, può essere definita prudente nella gestione del denaro. Ritiene il risparmio fondamentale, benché non sempre lo metta in pratica rispetto agli apprendisti che risparmiano sistematicamente.

 

Gli apprendisti dispongono di buone conoscenze finanziarie

Gran parte degli apprendisti vanta buone competenze finanziarie. Nell'ambito del sondaggio, due terzi degli apprendisti sono stati in grado di rispondere correttamente ad almeno cinque domande del test su sette. Tali competenze finanziarie oggettive coincidono ampiamente con l'autovalutazione delle capacità proprie degli apprendisti. Gli apprendisti conoscono bene soprattutto gli argomenti di finanza quotidiani, come il proprio conto o i movimenti di denaro. Tuttavia, argomenti meno ordinari, come ad esempio il calcolo degli interessi composti, mettono più in difficoltà la maggior parte di loro.

 

La gestione del denaro diventa incerta con la maggiore età

Anche con l'ingresso nella maggiore età si manifestano sempre più difficoltà e incertezza nelle questioni finanziarie. Gli apprendisti di età compresa tra 18 e 20 anni mostrano lacune nelle competenze relative alla gestione del denaro più spesso rispetto agli intervistati di età inferiore o superiore. Questo indica che con il raggiungimento del 18° anno di età le nuove possibilità e i nuovi obblighi connessi alla gestione del denaro rappresentano una sfida per i giovani. Come mostrato dallo studio, i genitori e gli altri membri della famiglia sono la prima fonte di consigli e informazioni sulle questioni finanziarie: oltre due terzi degli apprendisti dichiarano di rivolgersi prima di tutto alla propria famiglia al riguardo. D'altra parte, circa la metà di tutti gli apprendisti constata lacune nel trasferimento di conoscenze finanziarie e know-how pratico a scuola.

 

Impegno per promuovere la competenza finanziaria

La Banca Cantonale Grigione si impegna nella promozione delle competenze finanziarie nelle scuole svizzere. Insieme ad altre 23 banche cantonali e alle associazioni degli insegnanti della Svizzera tedesca e della Romandia ha fondato l'associazione FinanceMission che ha come obiettivo la sensibilizzazione dei giovani a una gestione responsabile e consapevole del denaro e che con il gioco didattico digitale «FinanceMission Heroes» mette a disposizione una nutrita offerta didattica per le scuole svizzere di livello secondario. Nel Cantone dei Grigioni lo strumento didattico è stato lanciato con il sostegno della Banca Cantonale Grigione e può essere impiegato dalle insegnanti e dagli insegnanti nelle loro lezioni per trasmettere le competenze finanziarie.

 

Ulteriori informazioni:

 Le vostre informazioni supplementari

Comunicati stampa
Avvertenze legali
I prodotti e i servizi offerti nel presente sito web non sono accessibili alle persone con domicilio in determinati paesi (dis­clai­mer).
Crescere insieme.