La BCG punta sul calore prodotto a distanza

Meno emissioni di gas serra grazie al sistema di riscaldamento rispettoso dell’ambiente

Coira, 17 settembre 2018 – Da fine agosto la Banca Cantonale Grigione (BCG) si rifornisce dalla rete di approvvigionamento Fernwärme Chur AG. A beneficiarne saranno ora l’edificio residenziale e commerciale della Stadtgartenweg, la sede principale in Engadinstrasse e la sede presso la Postplatz, grazie a un sistema integrato downstream. Adottando questa nuova fonte di approvvigionamento la BCG riduce le proprie emissioni annuali di gas serra CO2.

La BCG è sensibile all’approccio responsabile alle risorse naturali. La Banca identifica nelle infrastrutture il baricentro ecologico. Ecco perché in occasione di ogni singolo risanamento verifica anche l’impiego di sistemi di riscaldamento alternativi, alimentati con energie rinnovabili.

 

Energia ecologica di qualità

Man mano che termina la vita utile massima degli attuali sistemi di riscaldamento la BCG sceglie la collaborazione con l’azienda Fernwärme Chur AG, basata su criteri economici ed ecologici. Fernwärme Chur AG trasporta a Coira il calore residuo dell’impianto di incenerimento dei rifiuti urbani GEVAG di Trimmis. La Banca sfrutta poi l’energia ecologica di qualità per l’approvvigionamento termico del suo parco immobiliare dislocato tra Engadinstrasse e la Postplatz. Così si esprime in proposito Thomas Fischli, responsabile delle infrastrutture presso la Banca Cantonale Grigione: «Il nostro obiettivo è ridurre costantemente l’impronta ecologica della BCG. Vogliamo in tal modo far parte delle banche più sostenibili della Svizzera e tenere fede alla nostra responsabilità sociale.»

 

Ecco come funziona il calore prodotto a distanza

L’approvvigionamento di calore prodotto a distanza riscalda l’acqua preferibilmente tramite un condensatore che impiega un processo a vapore. In tal caso questo avviene nell’ambito dell’impianto di incenerimento dei rifiuti urbani di Trimmis; in alternativa in altre località anche tramite una centrale termoelettrica. Mediante le pompe l’acqua calda attraversa le condutture e arriva ai consumatori, dove l’energia viene ceduta al sistema di riscaldamento degli edifici tramite scambiatori di calore. Questo consente di rinunciare alla produzione di calore diretta sul posto (come nel caso di una caldaia a gasolio).

 

Fernwärme Chur AG trasporta a Coira il calore residuo dell’impianto di incenerimento dei rifiuti urbani GEVAG di Trimmis.

(Grafica: IBC Energie Wasser Chur) 

 

Ultimi lavori al nuovo sistema di riscaldamento: da destra Thomas Fischli, responsabile infrastrutture,

e Marco Tomaschett, responsabile assistenza e manutenzione, danno un'occhiata.

 Le vostre informazioni supplementari

Comunicati stampa
Avvertenze legali
I prodotti e i servizi offerti nel presente sito web non sono accessibili alle persone con domicilio in determinati paesi (dis­clai­mer).
Crescere insieme.