Chiusura semestrale 2020 della BCG

La Banca reagisce attivamente alle circostanze straordinarie. Riferisce un risultato molto stabile e lancia segnali forti a favore di solidarietà e legame con il territorio.

Coira, 23 luglio 2020 – La Banca Cantonale Grigione (BCG) si lascia alle spalle un primo semestre 2020 molto insidioso. In una fase di grandi sconvolgimenti, la Banca ha dimostrato la sua vicinanza alla clientela e allo spazio economico dei Grigioni. Con un utile di Gruppo di 95,2 milioni di franchi ha inoltre conseguito un risultato migliore di quanto previsto solo tre mesi fa. Il Consiglio di Banca ha dato mandato di fondare un’«istituzione di previdenza grigionese» allo scopo di rafforzare la posizione nel mercato della previdenza.

 

I principali indicatori:

  • Utile di Gruppo: CHF 95,2 milioni / –5,2%
  • Risultato di esercizio: CHF 96,8 milioni / –6,8%
  • Afflusso nuovi fondi: CHF +1075,6 milioni / +3,0%
  • Crescita delle ipoteche: CHF +270,0 milioni / +1,6%
  • Cost/Income Ratio II: 51,1%
  • Redditività (RoE): 7,0%

«Siamo orgogliosi di esserci assunti da subito concretamente la nostra responsabilità in qualità di banca dei Grigioni. La Banca ha confermato la sua capacità di resilienza di fronte all’eccezionale crisi del primo semestre e, nonostante tutto, siamo lieti di riuscire ad attuare i punti salienti del nostro progetto per l’anniversario #gkb2020, sostiene Peter Fanconi, Presidente della Banca. Il CEO, Daniel Fust, si dice soddisfatto del risultato del primo semestre sotto la sua guida: «Ci lasciamo alle spalle un semestre ricco di sfide. Come team, abbiamo vissuto la vicinanza alla nostra clientela.» Con i clienti PMI la Banca ha cercato soluzioni individuali per implementare sapientemente le ingenti misure di aiuto. Durante il periodo di turbolenza in borsa, ha stimato insieme ai suoi clienti investitori le opportunità e i rischi a lungo termine. «Considerata la complessità della situazione, siamo molto soddisfatti della performance e del risultato della BCG. Un grande grazie a tutti i collaboratori, che hanno saputo fronteggiare magistralmente questa crisi.»

 

Utile di Gruppo: contenuto a CHF 95,2 milioni, ovvero –5,2% rispetto all’esercizio precedente

Sul risultato di esercizio (CHF 96,8 milioni/–6,8%) hanno inciso negativamente le correzioni delle quotazioni sui mercati azionari. Il rapporto rischio/rendimento ha controbilanciato il risultato. Con CHF 95,2 milioni
(–5,2%), l’utile di Gruppo ha superato le aspettative di aprile.  In ragione della sua struttura dei ricavi, la Banca Privata Bellerive SA ha dato un contributo al risultato identico a quello dello scorso anno. L’utile per buono di partecipazione si è contratto del 3,8% a CHF 37.10 rispetto all’esercizio precedente.

 

Proventi di esercizio: correzioni delle quotazioni sui mercati dei capitali all’origine della riduzione dei proventi

I proventi di esercizio (CHF 200,2 milioni) si sono leggermente ridotti di CHF 9,2 milioni a causa delle mancate commissioni legate al risultato e dei necessari adeguamenti di valore dei titoli in portafoglio del 4,4%. Le conseguenze attuali e future del regime dei tassi negativi possono essere parzialmente attutite dall’incremento della franchigia della Banca nazionale svizzera. Nel primo semestre, il lockdown non ha prodotto un aumento delle rettifiche di valore.

 

La quota di operazioni in commissione e da servizi resta sopra il 30%

Il risultato delle operazioni in commissione e da servizi è sceso del 9,9% a CHF 60,0 milioni (CHF –6,6 milioni). I ricavi delle operazioni in commissione da commissioni legate ai volumi e alla performance sono stati penalizzati dall’andamento dei mercati nel primo semestre 2020. La contrazione ha ridotto la quota di ricavi al 30,7% (periodo precedente: 32,2%). L’obiettivo strategico del 30% viene comunque raggiunto nonostante le correzioni in borsa. L’attività di investimento si è evoluta nel quadro degli obiettivi strategici. La Albin Kistler AG ha nuovamente fornito un contributo incoraggiante alla crescita. I fondi emessi dalla BCG riscontrano favori crescenti, come testimoniato anche dal volume dei fondi di CHF 1,7 miliardi.

 

Maggiori investimenti nella digitalizzazione

Rispetto all’anno precedente i costi di esercizio (CHF 94,3 milioni), compresa la copertura della garanzia di Stato, sono aumentati di CHF 2,8 milioni (+3,0%). Questo aumento della spesa è ascrivibile al progetto per il giubileo #gkb2020 e a un volume dei progetti superiore nell’ambito dell’offensiva per la digitalizzazione. Il Cost/Income Ratio II del 51,1% (+4,1 punti percentuali) è aumentato lievemente rispetto a un anno prima. La produttività si conferma un tema importante per la Banca. I continui investimenti nella digitalizzazione restano quindi una priorità.

 

Volume di affari netto acquisito: +1,45 miliardi di franchi

Con la chiusura semestrale 2020, il Gruppo BCG iscrive un volume di affari di CHF 57,0 miliardi. Il volume di affari netto acquisito con clienti ammonta a CHF +1,45 miliardi, corrispondente a una crescita netta del +2,6%. La Banca ha incrementato il volume dei prestiti a clienti di CHF 389,3 milioni (+1,9%). Il portafoglio dei prestiti ipotecari è aumentato dell’1,6% attestandosi a CHF 17,6 miliardi. Sono stati erogati CHF 175,1 milioni netti per crediti COVID-19. I patrimoni della clientela hanno registrato un aumento dello 0,9%, attestandosi a CHF 36,5 miliardi, nonostante la performance negativa del mercato. L’afflusso di nuovi fondi riferito al patrimonio della clientela (Net New Money) è stato complessivamente di 1075,6 milioni (+3,0%). La rinuncia ai consumi imposta dallo Stato si riflette in volumi decisamente superiori di fondi della clientela.

 

Prospettive 2020: risultato operativo migliore rispetto alle previsioni di aprile

Alla luce dei risultati semestrali, la BCG migliora le stime riviste per il 2020. La ripresa dei mercati azionari e l’assenza di segnali di maggiori rischi di inadempienza alimentano l’ottimismo, che attualmente è quantificabile attorno alla soglia superiore del range comunicato ad aprile. L’utile di Gruppo attualmente previsto è di CHF 170 milioni mentre l’utile per buono di partecipazione si attesa a circa CHF 65.00.

 

Posizionamento nel mercato della previdenza: fondazione di un’«istituzione di previdenza grigionese»

Il 22 luglio 2020, per motivi strategici, il Consiglio di Banca ha deliberato la costituzione di una società di gestione indipendente per soluzioni di previdenza. L’intenzione è quella di potenziare la competenza rispetto a temi previdenziali nei Grigioni. In collaborazione con esperti qualificati, l’obiettivo è inaugurare l’operatività il 1° gennaio 2021. La gestione di fondi previdenziali acquista sempre più importanza nell’attività di investimento. La BCG rafforza così la sua posizione quale partner competente per casse pensioni, fondazioni e privati per soluzioni di investimento performanti.

 

Anniversario #gkb2020: possibile attuare i punti salienti

Il motto dell’anniversario «Lasciare un segno indelebile» si afferma ogni giorno di più. I punti chiave pianificati verranno attuati come programmato. Si è dovuto tenere conto delle limitazioni solo per gli eventi. Il momento culminante dell’anniversario della Banca è in programma il prossimo autunno con l’apertura di un centro informativo di risonanza interregionale. Con il centro informativo, la Banca intende sensibilizzare sui temi «acqua e ghiacciai».

 

 Le vostre informazioni supplementari

Avvertenze legali
I prodotti e i servizi offerti nel presente sito web non sono accessibili alle persone con domicilio in determinati paesi (dis­clai­mer).
Crescere insieme.